SalentoCinemaWhite
Logo.WebsiteITA

facebook
twitter
youtube
instagram

facebook
twitter
youtube
instagram

MENU

Home

Film Selezionati

Eventi Speciali

​Iscrivi il tuo Film

Blog

Cooky Policy

Privacy Policy

Diventa Nostro Sponsor

SALENTO CINEMA FILM SOCIETY
Viale Stazione, 26 - 73039 
Tricase (Lecce) Italy.
Ph. +39 0833.771821

C.F. 04466570753

© 2004 - 2020 Salento Cinema Film Society Associazione Culturale

 

Web Design: Gigi Campanile 

17

Visitricase Logo
MadeInItaly

ANNI DEDICATI

AL CINEMA INDIPENDENTE

INTERNAZIONALE

Una Notte a Teheran, l’umanità e la sua imperfezione

26-06-2020 09:49

Lidia Bucci

Prossimamente,

Una Notte a Teheran, l’umanità e la sua imperfezione

Una ragazza di 30 anni, scappando dalla sua festa di compleanno, in cerca di felicità, sale in un taxi notturno, ignara di come la sua vita cambierà per sempre.

UNA NOTTE A TEHERAN

un film di Farhad Najafi | Iran 2019 | 79 min.| Lingua:Persiano con sottotitoli In Italiano e in Inglese

Al Siff 2020 in Anteprima Europea.

 

Come New York, Tokyo ، Mumbai e tutte le grandi città del mondo, Teheran ha anche una sua vita notturna, birichina e sotterranea. In una notte a Teheran, una ragazza di 30 anni, scappando dalla sua festa di compleanno, in cerca di felicità, sale in un taxi notturno, ignara di come la sua vita cambierà per sempre

FATE vs CHOICE | Recensione di Lidia Bucci

Il destino da una parte, le scelte dall’altra. Nel limes: la notte. Una lunga notte a Teheran. Una notte on the road, di quelle che non passano e che non arrivano all’alba. In un’auto, una donna, nel giorno del suo compleanno e un autista chiacchierone. Lei, ribelle, cinica, spudorata pronta a tutto, propone a lui di superare ogni limite in quella notte e la ricompensa è appetitosa. Una proposta che non si può rifiutare. Inizia così, in un’auto, con cellulare alla mano e una serie di indirizzi da raggiungere, un viaggio urbano che ha il sapore amaro della vendetta premeditata.

 

 

01-1593157673.jpg

Due sconosciuti (forse), due animali notturni alla ricerca di esperienze estreme, sospendendo il giudizio etico e il quesito su cosa sia giusto o sbagliato. Tra una tappa e l’altra, la conoscenza dei due passa attraverso la condivisione delle ferite e la riflessione sulle scelte, sugli errori irreversibili, sul dubbio, sul libero arbitrio e sulla responsabilità. La conclusione sembra semplice, quasi ovvia: una decisione ‘indecisa’, la decisione di chi dubita, non è una vera decisione e possiamo scegliere tutto tranne che la morte. Ma forse è più complesso di così. Forse, come ci sono notti che non vedono le albe, ci sono amori ai quali non si sopravvive e dai quali non si torna indietro. Un ‘dopo qualcuno’ che non ammette nessuno. Passioni che diventano ossessioni, ferite aperte che non hanno il tempo di cicatrizzarsi. L’emorragia, ancor prima che fisica, è quella dei sentimenti traditi e incontenibili. Poi la rabbia, l’assenza e il capovolgimento: chi ci ha distrutto può salvarci e chi ci ha amato può distruggerci.


Una notte a Teheran è il racconto denso e cupo dell’altra faccia dell’amore, della sua dark side e di come è sempre difficile capire quanto il destino sia davvero svincolato dalle scelte di ciascuno.
 

Najafi ci racconta l’umanità e la sua imperfezione, con dialoghi errati, contenuti alti e un’impostazione quasi da one location movie, che rende il tutto intimo e importante, come una confessione.

Crea un sito Gratis | Come creare un sito webCreare un sito per fotografi