Vincitori

18° Edizione 7 Settembre - 12 Settembre 2021

Il SIFF, per la sua 18esima edizione, centrata tra temi di drammatica attualità e pulsioni senza tempo, tra filosofia e psicologia, cronaca e storia, declinati, tra poesia e rasoiate realistiche, come vuole ogni  lettura “eretica” al  fedele servizio di autenticità e verità, fuori da ogni ideologismo, viaggiando tra i Paesi del mondo, senza steccati di genere e anzi valorizzando come risorse le unicità di ogni tipo e caratura,  lanciandosi in tuffi carpiati o voli acrobatici nel futuro dietro l’angolo, auspicato ma anche possibile, proclama i seguenti vincitori, dando un particolare risalto al non detto, alle risonanze e alle sinfonie cosmiche che tutti ci accomunano e che, sempre in nome di quella bellezza e cooperazione di cui il Cinema è sintesi ed espressione, che, se ci crederemo e ci impegneremo, ci salveranno:

And the Winner is… 

Una Notte a Teheran

Miglior Film

 RE MINORE Regia di Giuseppe Ferlito | Italia 2020 | 121′

Per l’ affresco pieno di pathos di una terra – un’ isola che e’ propaggine di una penisola- la trinacria- di cultura millenaria, tratteggiata con quella onesta’ cruda e affettuosa che solo un oriundo, quale il regista, da siciliano, poteva rendere senza infingimenti e tuttavia con affettuosa onestà, rievocando i miti e la storia senza disdegnare la cronaca. Per la celebrazione della forza della vita e dell’ amore sulla morte e sull’ odio.

Susan Paravan

Miglior Attrice

SUSSAN PARVAR  –  Attrice Iraniana protagonista  del  film BOTOX diretto da Kaveh Mazaheri | Iran 2020 | 101′

Una coppia di sorelle condivide una casa alla periferia di una città iraniana cospirando per insabbiare la scomparsa del fratello per portare avanti un programma per arricchirsi coltivando funghi magici. Il film sovversivo e inaspettato che esplora i diritti e l’azione delle donne all’interno di una società che richiede a un uomo di approvare qualsiasi decisione importante, compresa quella di trasformare il soggiorno in una fattoria di funghi allucinogeni. È un fantastico debutto cinematografico di Kaveh Mazaheri

Emre Cetinkaya

Miglior Attore

EMRE CETINKAYA –  Attore Turco protagonista  del  film I AM YOU diretto da Sonia Nassery Cole | Afghanistan 2020 | 90′

Emre Cetinkaya, che in un film che ha, anche, giusto il retrogusto di un docu, tratto com’è da una storia vera, rende il doppio binario di disperazione e speranza, come meglio non si sarebbe pututo fare, in un film che ci catapulta negli orrori coerenti e ci proietta dal presente a tinte foschissime in un futuro comunque conquistato a prezzo di usura ma rosso, di ricongiuzioni familiari e di promesse mantenute, col bene a vincere sul male e l’ amore sulla morte.

Est - Dittatura last minute

Miglior Colonna Sonora

EST- DITTATURA LAST MINUTE
Film diretto da Antonio Pisu | Italia 2020 | 104′
Musiche di Davide Caprelli

Est – Dittatura Last Minute è infatti un film tratto da una storia vera basata su un viaggio che proprio gli stessi Paganelli e Riceputi intrapresero nel 1989 quando allora erano ventiquattrenni. Nella versione cinematografica i viaggiatori sono tre, interpretati da Lodo Guenzi, Jacopo Costantini e Matteo Gatta. Spicca subito la partecipazione speciale, nonché di debutto, di Lodo Guenzi, chitarra e voce de Lo Stato Sociale.

BLOODSHOT HEART

Miglior fotografia

BLOODSHOT HEART | CUORE INSANGUINATO
Regia di Parish Malfitano | Australia 2020 | 90′
Fotografia: Susan Lumsdon

Per la felicissima intesa tra regia e fotografia a rendere gli incubi e i sogni di fuga di chi , come in questo caso, ricorre ad ogni stratagemma la mente sia in grado di formulare , nelle sue fantasie piu’ sfrenate,per immaginarsi libero dal carcere delle vessazioni familiari( di nuovo torna il rapporto con la madre, in chiave tragica in questa pellicola) quando sono vampiri affettivi.Visionario e travolgente con una foto grafia da urlo.

Renato Casaro

Miglior Documentario

L’ULTIMO UOMO CHE DIPINSE IL CINEMA  Diretto da Walter Bencini | Italia 2020 | 90′

Questo lavoro che documenta il cinema attraverso una di quelle tra le voci che contribuiscono al successo di una pellicola. Casaro, vanto vivente tra i creativi – illustratori-del suo campo , apprezzato anche all’ estero da registi di fama acclarata, va il plauso per aver saputo e voluto prestare la propria competenza tecnica e il proprio acume e talento al cinema.

Fane

MIGLIOR CORTO ITALIANO

FAME  Diretto da Giuseppe Alessio Nuzzo | Italia 2020 | 11′

Per l’ indimenticabile scenario di una Napoli , intreccio di culture e teatro di contraddizioni, palestra di sentimenti forti e opposti, scrigno di miserie e nobilta’ in cui la fame,al centro, in ogni senso di quest’ edizione 2021,e’ di dignita’, equita’ sicurezza e diritti minimi garantiti ma anche di ricchezza , potere e successo e di come in una citta’ paradigma di squilibri ma anche di eccezionali risorse e meraviglie, esistono concretissimi i miracoli possibili,sebbene spesso improbabili o incredibili, come insegna San Gennaro.

Mila

Miglior Corto | Donne in Cinema

MILA – diretto da Cinzia Angelini | USA  2020 | 20′

Per lo sforzo collettivo per un risultato di animazione in cui i temi della guerra, della forza delle donne di superare qualunque tragedia a partire da quella piu’ grande immaginabile per un essere vivente ovvero la premorte , in quanto innaturale, della propria creatura- e particolarmente per una madre-dando nuovamente amore e protezione. Per aver colto la forza propulsiva e rogenerante dell’ immaginazione e della fantasia come strumenti per uscire dai tunnel, come sanno insegnare i bambini, connettendosi al bambino che ogni adulto, per quanto indurito o ferito, conserva gelosamente in se’.

Feeling Through

Miglior Corto Internazionale

FEELING THROUGH –  diretto da Doug Roland | UK 2020 | 19′

Per l’ eccezionale,strepitosa visione rovesciata della disabilita’ e di come nessun handicap, che non sia nel mutismo nella cecita’ e nella sordita’ del cuore e quindi derivi dalla paura di cio’ che non conosciamo e quindi temiamo, ci potra’ impedire di comunicare e di sentirci riconosciuti e visti dall’altro e di vedere l’ altro non per la sua confezione per la sua aura e la sua anima e sapere e sentire, solo allora, che “Tutto andrà bene” se senza forzature o ammiccamenti ci faremo carico di quello che ci portiamo dietro.

Mia Cara Madre

MENZIONE SPECIALE

FLASH-LASTORIA DI GIUSEPPE PARISI  Documentario diretto da Marco Rosson | Italia 2020 | 65′

Per la dimostrazione che anche la rabbia, se incanalata correttamente, si puo’ trasformare in una forza motrice per emergere. Per la capacita’ di pennellare l’ andamento sinusoidale di ogni vita in cui la differenza la fara’ l’ approccio, lo sguardo, la determinazione psicologica associata alle competenza che si sara’ acquisita.